giovedì 27 novembre 2014

La pillola cosiddetta “dei cinque giorni dopo” a breve diventerà “così disponibile direttamente in farmacia senza obbligo di prescrizione da parte del medico. Secondo le previsioni degli esperti, la decisione dovrebbe essere applicata in tutti gli Stati membri europei nel 2015. L'Italia è a oggi l'unico Paese del Vecchio continente dove per ottenere il farmaco è necessaria sia la prescrizione medica, sia il risultato di un test di gravidanza negativo.” [Fonte]
Più che le riforme economiche e strutturali, la moneta unica e tutto il resto, sono queste le questioni che mi terrorizzano dell’Unione Europea. Farne parte significa accettare questi diktat che, più di quelli economici, sono il fallimento della società. Io cittadino italiano come posso confidare nelle istituzioni democratiche? Se anche votassi (sempre che esistesse) per un candidato che è contrario a queste pratiche omicide, egli si ritroverebbe (ammesso e non concesso che vinca le elezioni) a dover obbedire a delle leggi emanate da altri. Con che spirito posso riconoscermi in quest’istituzione? Come posso approcciarmi a ogni tipo di elezione quando queste ideologie criminali sono ormai sdoganate e nessuno più si scandalizza? Con un piano scientemente studiato, nel corso degli anni, gli ideatori di tali ideologi hanno programmato e realizzato il dilagarsi di questa mentalità. Quarant’anni fa parlare di aborto era impensabile, oggi è considerato un diritto ed è ottuso chi lo considera per quello che è: un omicidio. Cinque anni fa era impensabile parlare di matrimoni gay e adozioni, oggi si sta ripetendo quella battaglia mediatica che nei decenni passati è stata applicata, con mezzi diversi, alle diverse applicazioni dell’unica ideologia antiumana, quindi anticristiana.
Ognuno combatte la propria battaglia e non ci mettiamo certo a frignare come marmocchi, c’è però da interrogarsi seriamene su come vincere queste battaglie. Sicuramente, devo riconoscere, non con una votazione elettorale. Anche perché, chi democraticamente eletto volesse sfidare queste correnti ideologiche, verrebbe perseguito economicamente e messo alle strette (non lui, ma il Paese che guida) in un sistema perfettamente mafioso.

Come si combattono questi mafiosi non lo so. So che va fatto. E continuo a interrogarmi.